Il ricco e la morte (Vanitas)

Amburgo, chiesa di San Giacomo Il ricco e la morte (David Kindt, 1622)

Amburgo, chiesa di San Giacomo
Il ricco e la morte
(David Kindt, 1622)

La chiesa di San Giacomo (St. Jacobi) ad Amburgo conserva sulla parete nord un dipinto di David Kindt del 1622 dal titolo “Il ricco e la morte”. Un signore, lussuosamente vestito, siede a tavola di fronte al cibo e a un sacchetto di monete. Lo sguardo e la mano sul cuore  rendono in modo esplicito i valori in cui trova soddisfazione. Alle sue spalle, però, si avvicina silenziosa la morte  con la clessidra del tempo scaduto e la freccia che sta per colpire. Il dipinto illustra alcuni versetti del Vangelo di Luca: «Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio”» (Lc 12, 19-21). Il significato ammonitore del dipinto sulla vanità della vita è rafforzato dalle scritte in tedesco arcaico, dalla duplice valenza simbolica del pane e del vino, dal carattere di “natura morta” della frutta e dalla presenza dei due fiori, uno rigoglioso e l’altro reciso. I fiori sono un simbolo della vita umana, come dice il salmo: «L’uomo: come l’erba sono i suoi giorni! Come un fiore di campo, così egli fiorisce. Se un vento lo investe, non è più, né più lo riconosce la sua dimora» (Sal 103, 15-16). La scritta latina incisa sul marmo tra le due sfingi è un curioso enigma basato su un puzzle linguistico: “O mors cur Deus negat vitam super be te bis nos bis nam” può essere  trascritto come “O! Superbe! Mors Super te! Cur Superbis? Deus Supernos! negat Superbis Vitam Supernam”.

Il ricco e la morte

Il ricco e la morte

Particolare della tavola imbandita

Particolare della tavola imbandita

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Arte e contrassegnato come , , , da carlofinocchietti . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su carlofinocchietti

Carlo Finocchietti dirige a Roma un’agenzia europea specializzata nella mobilità accademica internazionale e nel riconoscimento dei titoli di studio esteri. I suoi interessi di ricerca e le sue pubblicazioni si concentrano sull’internazionalizzazione dei sistemi universitari, l’orientamento professionale e i rapporti tra università e industria. Camminatore appassionato e curioso ha esplorato e descritto in diversi volumi intriganti percorsi escursionistici legati alla memoria storica dell’Italia centrale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...