Hierapolis: la porta dell’Inferno

La statua di Cerbero a tre teste a guardia della porta dell'Inferno

La statua di Cerbero a tre teste a guardia della porta dell’Inferno

Il gruppo di archeologi italiani guidato da Francesco D’Adria ha individuato a Hierapolis, l’antica città sacra della Frigia, oggi Pamukkale, nella Turchia nord-occidentale, la mitica ‘Porta degli Inferi‘, meta di pellegrinaggio, anche di Vip di allora come Cicerone o il grande geografo greco Strabone, nell’Antichità greco-romana. 
Lo stesso D’Adria ha annunciato il ritrovamento all’ingresso della grotta del ‘Ploutoniom’ di Hierapolis di una statua in marmo di Cerbero, il cane a tre teste che la mitologia greca aveva posto a guardia dell’ingresso dell’Ade, il Regno dei Morti. Accanto a quella di Cerbero – il mostro che solo Ercole era riuscito a sottomettere, facendogli mangiare una pagnotta con semi di papavero che lo aveva addormentato – è stata scoperta anche la statua in marmo di un enorme serpente, altro animale guardiano per gli antichi greci dell’Oltretomba. Il team di archeologi dell’Università del Salento aveva individuato l’antica Porta dell’Ade grazie ai cadaveri di alcuni uccellini, ritrovati morti davanti a una sorta di grotta da dove uscivano fumi mefitici di anidride carbonica. Nei racconti dei suoi viaggi in Asia Minore nel I secolo AC, Strabone aveva descritto la Porta degli Inferi come una apertura ”di dimensioni sufficienti” per fare passare un uomo ”riempita di un vapore fitto e scuro, così denso che il fondo difficilmente può essere individuato”.
Gli animali che entrano ”muoiono all’istante. Anche i tori, quando sono portati al suo interno, cadono a terra, morti”. ”Noi stessi gettammo dentro dei passeri – racconta Strabone – che immediatamente caddero a terra senza vita”.
  (Fonte: ANSA)

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria e contrassegnato come , , , , da carlofinocchietti . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su carlofinocchietti

Carlo Finocchietti dirige a Roma un’agenzia europea specializzata nella mobilità accademica internazionale e nel riconoscimento dei titoli di studio esteri. I suoi interessi di ricerca e le sue pubblicazioni si concentrano sull’internazionalizzazione dei sistemi universitari, l’orientamento professionale e i rapporti tra università e industria. Camminatore appassionato e curioso ha esplorato e descritto in diversi volumi intriganti percorsi escursionistici legati alla memoria storica dell’Italia centrale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...