Campi Flegrei: la porta degli inferi

Enea scende all'Averno (Nicolò dell'Abate, Rocca di Scandiano)

Enea scende all’Averno (Nicolò dell’Abate, Rocca di Scandiano)

A nord di Napoli i Campi Flegrei (etimologicamente “i campi ardenti”) sono un vasto parco fatto di vulcani, solfatare, stufe termali, fumarole e laghi. Qui gli autori classici hanno immaginato l’ingresso dell’Oltretomba e la descensio ad inferos degli eroi della mitologia. Il Lago Averno costituiva il punto di contatto tra l’aldiquà e l’aldilà della geografia infernale. Basta ricordare la discesa agli inferi di Enea. Rinfreschiamo allora le memorie scolastiche e ricordiamo come Virgilio descrive la struttura e gli abitanti dell’oltretomba nella sua Eneide:

– l’ingresso dell’Orco è un vestibolo dove risiedono le personificazioni dei mali e delle passioni umane; sulla soglia sono i mostri mitologici: i Centauri, Briareo, l’Idra di Lerna, la Gorgone, le Arpie, Gerione;

– segue la regione antistante l’Acheronte dove si aggirano le anime degli insepolti; esse attendono lungamente che Caronte le possa traghettare ad di là del fiume;

– il terzo spazio è quello dell’Antinferno; vi risiedono i bambini morti prematuramente e le vittime della violenza: i condannati a morte ingiustamente, i suicidi, i morti per amore, i guerrieri;

– superato il Flegetonte si entra nel Tartaro, circondato da una triplice cortina di mura e vigilato da Tisifone. Giudice è Radamanto. I dannati vengono precipitati in un immenso baratro. Vi troviamo i dannati mitici: Titani, LapitiTeseo, Flegias. E gli altri peccatori: fraudolenti, avari, adulteri, traditori della patria e della fede, violenti, incestuosi;

-superato il palazzo di Plutone, si giunge infine al paradiso dell’Elisio.

Enea e la Sibilla Cumana sul Lago Averno (William Turner)

Enea e la Sibilla Cumana sul Lago Averno (William Turner)

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Arte, Escursioni e contrassegnato come , , , da carlofinocchietti . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su carlofinocchietti

Carlo Finocchietti dirige a Roma un’agenzia europea specializzata nella mobilità accademica internazionale e nel riconoscimento dei titoli di studio esteri. I suoi interessi di ricerca e le sue pubblicazioni si concentrano sull’internazionalizzazione dei sistemi universitari, l’orientamento professionale e i rapporti tra università e industria. Camminatore appassionato e curioso ha esplorato e descritto in diversi volumi intriganti percorsi escursionistici legati alla memoria storica dell’Italia centrale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...