L’Oltretomba del mondo classico

Enea nei Campi Elisi (Sebastiano Conca)

Enea nei Campi Elisi (Sebastiano Conca)

L’Isola dei Beati, regno di Crono, è la progenitrice dei Campi Elisi e del Paradiso cristiano. Su quest’isola «spirano dall’Oceano soffi, e d’oro fiammeggiano i fiori, quali in terra dagli alberi fulgidi e quali nutre l’acqua, e di monili ne intrecciano le mani, e corone» (Pindaro, Olimpica). Verso l’Isola dei Beati sono traghettate le anime dei giusti e degli eroi rimasti immuni dall’iniquità. Agli antipodi del regno dei beati è collocato il Tartaro, l’antenato dell’Inferno cristiano, un’immensa e profonda voragine dove precipitano le anime dei mortali malvagi. Questo abisso orrido, immenso accoglierà così i mostruosi Titani, i Giganti, Tifone, Echidna, Tantalo, Issione, Sisifo e le Danaidi. I supplizi infernali hanno un solo momento di sospensione, quando Orfeo scenderà nell’Oltretomba – «un sentiero in pendio per gli squallidi silenzi, erto, buio, avvolto di una caligine scura» – per chiedere la liberazione della giovane sposa Euridice che è stata uccisa da un serpente. Il canto d’amore di Orfeo, accompagnato dal suono della lira, commuove le Eumenidi e i sovrani degli abissi Persefone e Plutone. Lo struggente lamento di Orfeo  sospende la tragica vita infernale: «le pallide ombre piangevano per lui; Tantalo non cercava più di abboccare l’acqua che si ritraeva da lui; s’incantò la ruota d’Issione, gli avvoltoi smisero di rodere il fegato di Tizio, le Danaidi si liberarono delle urne, e tu, Sisifo, ti posasti sul tuo macigno» (Ovidio, Metamorfosi).

L'isola dei morti (Arnold Boecklin)

L’isola dei morti (Arnold Boecklin)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...