8. La città di Dite

La città infernale (Bosch)

La città infernale (Bosch)

Dite è il dio latino del mondo sotterraneo. Nell’Inferno della Commedia il primo scorcio della città di Dite è intrigante e curioso. Dante e Virgilio sono ormai prossimi alla palude dello Stige e nella nebbia intravvedono un’alta torre sulla cui cima si accendono due fiammelle. Una terza fiammella si accende lontana, rispondendo a queste segnalazioni. Assai prima che noi fossimo al piè dell’alta torre, li nostri occhi n’andar suso alla cima per due fiammette che i’ vedemmo porre, e un’altra da lungi render cenno tanto, ch’a pena il potea l’occhio torre (VIII, 1-6).  Le “fiammette” sono segnalazioni ottiche che consentivano lo scambio di informazioni a distanza tra castello e castello. La città di Dite, vista dagli occhi di Dante, rivela una presenza simbolica: le moschee (meschite). I luoghi del culto reso ad Allah dai seguaci di Maometto qualificano la città infernale come sede concentrazionaria dei principali nemici della Chiesa. I musulmani, i turchi, i saraceni, gli arabi, sono gli spauracchi che animano le grandi paure dei popoli cristiani medievali, gli incubi delle nazioni europee. Le moschee di Dite sono in preda alle fiamme, nel fuoco della dannazione: E io: “Maestro, già le sue meschite là entro certe nella valle cerno, vermiglie come se di foco uscite fossero”. Ed ei mi disse: “Il foco etterno ch’entro l’affoca le dimostra rosse, come tu vedi in questo basso inferno” (VIII, 70-75).

Advertisements
Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria e contrassegnato come , , , , da carlofinocchietti . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su carlofinocchietti

Carlo Finocchietti dirige a Roma un’agenzia europea specializzata nella mobilità accademica internazionale e nel riconoscimento dei titoli di studio esteri. I suoi interessi di ricerca e le sue pubblicazioni si concentrano sull’internazionalizzazione dei sistemi universitari, l’orientamento professionale e i rapporti tra università e industria. Camminatore appassionato e curioso ha esplorato e descritto in diversi volumi intriganti percorsi escursionistici legati alla memoria storica dell’Italia centrale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...