Linea Gustav: Costa San Pietro e il Collelungo

Memorie di guerra sul piazzale di Collelungo

Memorie di guerra sul piazzale di Collelungo

Le Mainarde sono l’appendice meridionale del Parco nazionale d’Abruzzo. Montagne remote, ancora semi-sconosciute e tuttavia piacevoli, hanno molte cime sopra i duemila metri e sono fasciate di boschi, ricchissime di sorgenti e popolate dai camosci.  Il gruppo è compreso tra le valli del Melfa e del Volturno, a cavallo di tre regioni. Il Collelungo, centro dell’itinerario, è una groppa boscosa che separa la Val Verrecchia e la Costa San Pietro a ovest dalla valle del Rio Chiaro e la Catenella delle Mainarde a est. Il Rio Chiaro alimenta il lago della Selva, da cui le acque sono scaricate in galleria nella centrale di San Biagio Saracinisco.

Il corpo di spedizione francese arrivò in questa zona agli inizi di gennaio del 1944. L’inverno aveva già imbiancato di neve le Mainarde e i soldati dei due schieramenti combattevano il gelo come nemico comune. Qualche giorno prima, il 28 dicembre, un gruppo di oltre 40 civili italiani sfollati nella località di Collelungo, fu trucidato da una pattuglia tedesca. I morti furono ritrovati e sepolti solo al termine della guerra. Un sacrario ricorda oggi quell’eccidio. Il 12 gennaio cominciò la battaglia che doveva liberare dai tedeschi la zona compresa tra Costa San Pietro e Acquafondata e sfondare la linea Gustav in direzione di Atina. I fanti della seconda divisione marocchina attaccarono di sorpresa la Costa San Pietro, salendo dal Rio Chiaro e dal fosso Verrecchia, con l’appoggio dell’artiglieria piazzata sulla Catenella delle Mainarde. Le postazioni di mitragliatrici tedesche furono espugnate e i francesi occuparono la quota 1449. I giorni successivi ci furono i contrattacchi del reggimento dei panzer grenadier  che non ebbero tuttavia successo. Tutte le alture circostanti (in particolare la Monna Casale, il Monte San Pietro, la Monna Acquafondata) furono assalite dai francesi e strenuamente difese dai tedeschi. Impressionante resta il rapporto tra perdite umane e valore effettivo delle località coinvolte. Al termine della battaglia, le truppe tedesche retrocessero di alcuni chilometri sulle postazioni della linea Gustav propriamente detta. Il tentativo francese, pur avendo colto qualche successo territoriale, sostanzialmente fallì l’obiettivo principale.

L’itinerario

Giunti da Cardito o da San Biagio Saracinisco al lago della Selva, nei pressi del ristorante Margherita e del km 41 della statale 627 della Vandra, ad una curva, s’imbocca la strada asfaltata con indicazioni per il Sacrario di Collelungo. Superato un piazzale con una fontana e un bivio per il casale della Mainarde, la strada prosegue in salita, su fondo in cemento, alla base della Costa San Pietro, prende quota con una serie di ripide curve e raggiunge un piazzale, a fianco di un monumentale cannone dell’ultima guerra. Qui si parcheggia (m. 1400 c.). Si prosegue a piedi. Al bivio successivo si sale la strada sterrata di destra, normalmente chiusa da una sbarra (la sterrata a sinistra conduce alla sorgente di Collelungo e sarà percorsa al ritorno). Pochi minuti di salita conducono al monumento ai caduti di Collelungo, collocato in un ampio recinto attrezzato (fontanella) nella penombra dei faggi (ore 0,10). L’enigmatica scultura di Umberto Mastroianni e alcune lapidi inducono a un momento di raccoglimento. Una stradina lastricata e dei gradini scendono al rio Chiaro.

All’ingresso del Sacrario, una vistosa bandierina rosso-bianco-rosso segnala l’inizio del sentiero Italia che coincide con il sentiero N4 del Parco. Costeggiando a monte l’area recintata del monumento su sentiero ben segnato con vernice arancione si guadagna ben presto la cresta del Collelungo e si procede in direzione nord. Dopo pochi minuti di percorso, all’altezza di un faggio al centro del sentiero (ore 0,10-0,20), si abbandona il sentiero di cresta e si scende sulla sinistra su un sentiero (segni di vernice rossa sui tronchi) che traversa in quota diversi fossi e raggiunge l’area recintata con le opere edilizie di captazione della sorgente di Collelungo (m. 1471; ore 0,10-0,30). Si riparte sulla strada dal fondo di cemento e, percorsi pochi metri in discesa, dopo gli stazzi, all’altezza della seconda curva, s’imbocca un sentiero a destra nel bosco (bollo rosso sbiadito sulla roccia) che traversa in piano la faggeta (qualche pennellata di vernice verde) e raggiunge un’ampia radura erbosa allo scoperto, circondata dal bosco. Traversata la radura si sale su un panoramico cocuzzolo. E’ la quota 1449 della Costa San Pietro (ore 0,30-1). A nord la Costa sale alla Sella Casielle e al sovrastante Morrone delle Rose, da cui scende la cresta di Selvapiana verso San Biagio. Alta sulla Val Verrecchia e sulla Valle Venafrana la Catenella delle Mainarde, conduce alle cime dei monti Ferruccia, Mare e Cappello del Prete. Siamo sui luoghi dove nel gennaio 1944 si svolse l’assalto delle truppe francesi alle difese tedesche. Esplorando gli immediati dintorni si riconoscono con chiarezza le buche trincerate dei mitraglieri e dei mortaisti. E’ anche evidente la perfetta simbiosi tra le opere di guerra e le fasce rocciose della Costa San Pietro, trincee naturali che sorvegliano la scoscesa valle sottostante. Dopo aver gironzolato alla ricerca di bossoli e altri souvenir bellici, si riprende in direzione nord il sentiero nel bosco da cui siamo arrivati. Se ne segue il ramo in discesa che in pochi minuti porta alla strada, all’altezza di un fontanile frequentato dagli animali al pascolo. Sulla strada, in breve, si raggiunge il bivio del Sacrario e il parcheggio dell’auto (ore 0,30-1,30).

Il monumento ai caduti di Collelungo

Il monumento ai caduti di Collelungo

L’itinerario completo “Costa San Pietro – I luoghi della battaglia delle Mainarde e dell’eccidio di Collelungo” è descritto in: www.camminarenellastoria.it/index/gustav_it_19_Costa_San_Pietro.html

(Linea Gustav 19)

Advertisements
Questo articolo è stato pubblicato in Escursioni e contrassegnato come , , , da carlofinocchietti . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su carlofinocchietti

Carlo Finocchietti dirige a Roma un’agenzia europea specializzata nella mobilità accademica internazionale e nel riconoscimento dei titoli di studio esteri. I suoi interessi di ricerca e le sue pubblicazioni si concentrano sull’internazionalizzazione dei sistemi universitari, l’orientamento professionale e i rapporti tra università e industria. Camminatore appassionato e curioso ha esplorato e descritto in diversi volumi intriganti percorsi escursionistici legati alla memoria storica dell’Italia centrale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...