Pastori: le Capanne

Capanna in pietra a secco di forma cilindro-conica ricostruita nel Museo di Caramanico terme

Capanna in pietra a secco di forma cilindro-conica ricostruita nel Museo di Caramanico terme

Le Capanne sono le abitazioni temporanee costruite sugli alpeggi e destinate al ricovero dei pastori. La cura del gregge e la caseificazione non sono, in realtà, le uniche attività dei pastori. Essi sono anche agricoltori, che spietrano i piccoli campi, arano, concimano, piantano graminacee, seguono l’orto, curano la vite e l’olivo. E sono poi artigiani specializzati nelle arti della pietra, del legno, dei metalli e dei tessuti. Gli insediamenti pastorali in quota sono dunque sia uno spartano ricovero temporaneo di fortuna, sia laboratorio di produzione, sia deposito di attrezzi di lavoro, sia magazzino di prodotti e di provviste.

Il primo modello è quello della capanna primitiva, costruita con legna e paglia, con la base di tipo circolare e la forma di cono. La struttura di sostegno è fatta di assi di legno. Il rivestimento è fatto di stramma, un’erba impermeabile o di fasci di canne palustri impastate di creta. Sono capanne mobili, che seguono il pastore nel pascolo vagante.

Il secondo modello è quello delle capanne con la base in pietra e la copertura in paglia. Il muro perimetrale è costruito a secco, senza leganti, con grandi pietre non squadrate e con uno spessore notevole; l’apertura dell’ingresso è coperto da un’architrave di legno. La copertura ha la tipica struttura conica vegetale, armata da un’imponente intelaiatura di rami con uno spesso rivestimento di paglia di montagna.

Il terzo modello è quello della capanna a cupola (a tholos o a strobilo), generalmente a base circolare, interamente costruita con pietre a secco sovrapposte e rastremate in alto. Queste capanne hanno taglia diversa, dalle più piccole che sono destinate a magazzino, alle più grandi, disposte anche su due piani, in grado di ospitare persone e dotate di focolare, giaciglio per la notte e ripostigli per gli oggetti di vita quotidiana.

Capanna aurunca, con base ellittica in pietra a secco e copertura vegetale ricostruita a Campello d'Itri

Capanna aurunca, con base ellittica in pietra a secco e copertura vegetale ricostruita a Campello d’Itri

Capanna pastorale  mobile a tucul, di materiale vegetale, ricostruita nel museo "Le Capanne" di Carpineto Romano

Capanna pastorale mobile a tucul, di materiale vegetale, ricostruita nel museo “Le Capanne” di Carpineto Romano

Per una panoramica dell’architettura pastorale visita il sito: www.camminarenellastoria.it/index/trat_approf_arch.html

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...