Pastori: i cippi sui tratturi

Cippo del tratturo Pescasseroli - Candela che riporta la sigla RT e il numero progressivo (1105)

Cippo del tratturo Pescasseroli – Candela che riporta la sigla RT e il numero progressivo (1105)

Chi percorre i tratturi s’imbatte sporadicamente negli antichi cippi di confine. Si tratta di blocchi di pietra squadrati, collocati ai lati del percorso come indicatore di confine tra i terreni privati e il tratturo, che recano incise le lettere RT (iniziali di Regio Tratturo). In alcuni casi sui termini lapidei sono state anche scolpiti il numero progressivo e la data della reintegra. I primi cippi furono posti con la reintegra del 1574. Altri sono datati 1651; gli ultimi riportano la data del 1884. Il decreto stabiliva sanzioni severe che andavano fino alla pena di morte per chi avesse rimosso un termine lapideo.

Sui tratturi è possibile incontrare anche altre tipologie di cippi. Vi sono i titoli confinari, cippi di pietra, normalmente di forma cilindrica,  utilizzati per marcare i confini dei terreni e i punti di convergenza delle locazioni sui tratturi. Altri cippi di pietra segnano i confini tra i Comuni e riportano la lettera C (confine) o l’iniziale del Comune. Vi sono poi cippi più grandi che segnalano i confini dei feudi e che recano scolpito lo stemma della famiglia nobile proprietaria. Vi sono infine cippi miliari stradali che segnalano la coincidenza dei tratturi con antiche strade.

Cippo di Forca Caruso sul tratturo Celano - Foggia

Cippo di Forca Caruso sul tratturo Celano – Foggia

Cippo sul tratturo L'Aquila - Foggia nei pressi della chiesa di Santa Maria dei Cintorelli

Cippo sul tratturo L’Aquila – Foggia nei pressi della chiesa di Santa Maria dei Cintorelli

Per una panoramica dell’architettura pastorale visita il sito: www.camminarenellastoria.it/index/trat_approf_arch.html

Advertisements
Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria e contrassegnato come , , , , da carlofinocchietti . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su carlofinocchietti

Carlo Finocchietti dirige a Roma un’agenzia europea specializzata nella mobilità accademica internazionale e nel riconoscimento dei titoli di studio esteri. I suoi interessi di ricerca e le sue pubblicazioni si concentrano sull’internazionalizzazione dei sistemi universitari, l’orientamento professionale e i rapporti tra università e industria. Camminatore appassionato e curioso ha esplorato e descritto in diversi volumi intriganti percorsi escursionistici legati alla memoria storica dell’Italia centrale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...