Ridere dell’aldilà: Menippo

Il supplizio di Tantalo

Il supplizio di Tantalo

Il legame tra il riso e l’inferno va rintracciato addirittura nei «Dialoghi dei morti» di Luciano: c’è un suo personaggio – Menippo – che viaggia nell’Oltretomba come i grandi protagonisti omerici e virgiliani; ma a differenza di Ulisse e di Enea,  Menippo ride. Ciascun dei trenta dialoghi riguarda il destino che è toccato all’uomo punito nell’inferno secondo uno schema ben preciso che implicava l’errore dell’eroe o di un mortale qualsiasi e quindi la sua punizione da parte di una divinità. 
Lo stile adottato da Luciano è particolarmente semplice e diretto, capace di suscitare risa e stupore di fronte alle narrazioni dei personaggi. Eccone un esempio.

Plutone, Menippo, Mida, Sardanapalo, e Creso.

Creso. O Plutone, noi non possiamo più sopportare questo can di Menippo, che ci sta vicino: o manda altrove lui, o ce ne anderemo noi in altro luogo.

Plutone. E che male vi fa egli, se è morto come voi?

Creso. Quando noi piangiamo e lamentiamo ricordando quello che abbiamo lasciato lassù, questo Mida l’oro, Sardanapalo le sue morbidezze, ed io i tesori miei, costui ci beffa e c’insulta, chiamandoci schiavi e vigliacchi: spesso canta mentre noi piangiamo, ed è proprio insopportabile.

Plutone. Che dicono questi, o Menippo?

Menippo. Il vero, o Plutone. Io li abborrisco questi vili e questi ribaldi, ai quali non basta di esser vissuti male, ma anche morti si ricordano e parlano di lassù. E però io ho gusto a trafiggerli.

Plutone. Ma non conviene cotesto. Han di che dolersi, avendo perduto assai.

Menippo. Sei matto anche tu, o Plutone, a compatire i loro sospiri?

Plutone. Compatire no; ma non vorrei parti tra voi.

Menippo. Sappiatelo una volta, o schiuma di tutti i ribaldi Lidii, Frigii ed Assirii, che io non cesserò; e dovunque anderete, io vi seguiterò molestandovi, scanzonandovi e beffandovi.

Creso. E non è questa un’ingiuria?

Menippo. Questo no: era ingiuria quel che facevate voi, voler essere adorati, insultare agli uomini liberi, senza pur darvi un pensiero di dover morire. Piangete ora, che siete dispogliati di ogni cosa.

Creso. Di molte e grandi ricchezze!

Mida. Ed io, di quant’oro!

Sardanapalo. Ed io, di quante morbidezze!

Menippo. Ora sta bene: così dovete fare. Piangete voi, ed io vi ripeterò spesso in canzone quel ‘Conosci te stesso’. A cotesti pianti s’accorda bene questa canzone.

cop.aspx

Gli itinerari tra le immagini italiane dell’aldilà sono raccolti in: www.camminarenellastoria.it/index/VISIONI_ALDILA.html

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...