Le Pagliare del Sirente

Le Pagliare di Tione sullo sfondo dei boschi e delle pareti rocciose del Sirente

Le Pagliare di Tione sullo sfondo dei boschi e delle pareti rocciose del Sirente

Le Pagliare del Sirente sono villaggi in quota, frequentati stagionalmente dagli agricoltori e dagli allevatori residenti nei paesi del fondovalle del fiume Aterno. Siamo dunque nell’Abruzzo aquilano. Gli abitanti di Fagnano Alto, Fontecchio e Tione degli Abruzzi, paesi collocati a 5/600 metri di quota che la geografia dei luoghi costringe in spazi angusti, hanno cercato sbocco per le coltivazioni e il pascolo sugli pianori sovrastanti, a oltre mille metri di quota. Luoghi di silenzio per molti mesi dell’anno le Pagliare si rianimano nel periodo estivo e in modo particolare nei fine settimana. Si aprono cantieri per restaurare gli edifici. Bovini e cavalli pascolano in libertà sul Piano di Jano e si abbeverano nei laghetti. Con la transumanza verticale salgono in quota le greggi di pecore e capre. Il fieno viene raccolto e stivato nei pagliai. Una volta l’anno un pellegrinaggio di popolo sale alla chiesetta della Trinità. Ma ormai le presenze umane sono inevitabilmente molto diradate. Resistono le scampagnate e i déjeuner sur l’herbe, la coltivazione simbolica d’alta quota di grano, patate, farro e lenticchie, le visite degli escursionisti, i cavalieri dell’ippovia del Parco naturale regionale Sirente-Velino, i ciclisti in mountain bike, i crossisti in moto. Manca l’acqua corrente. Manca la luce. L’impianto di distribuzione idrica è comunque predisposto e i proprietari sopperiscono con le cisterne e i serbatoi. Per la luce cominciano a comparire sui tetti i pannelli solari. Ma è l’architettura spontanea la maggiore attrazione delle Pagliare. L’uso della pietra, i tetti a spiovente, le diverse combinazioni di stalle, fienili e abitazioni, costituiscono la maggiore attrattiva delle Pagliare di Tione, Fontecchio e Fagnano. E cominciano ad attirare perfino qualche stoico turista.

L’itinerario

Le Pagliare del Sirente possono essere raggiunte in diversi modi. A piedi, naturalmente, partendo dai Prati del Sirente sulla strada Rocca di Mezzo–Secinaro (ma con qualche problema di orientamento nel bosco) o direttamente dai paesi di fondovalle con ripide sgroppate. Una lunga strada sterrata, in cattive condizioni, percorribile in fuoristrada, scende alle Pagliare dal paese di Terranera sull’altipiano delle Rocche. La soluzione nettamente preferibile è quella di salire in auto lungo la ripida strada asfaltata che si stacca a Goriano Valli dalla strada provinciale che collega Tione e Secinaro. Dopo 6,6 km di salita l’asfalto termina esattamente all’altezza della chiesa della SS. Trinità. Qui si può parcheggiare e proseguire a piedi verso le Pagliare di Tione e di Fontecchio (le Pagliare di Fagnano, più lontane, sono molto meno interessanti).

La chiesetta della Trinità

La chiesetta della Trinità

La chiesa della Trinità comprende l’aula liturgica e un campanile a vela, con due locali di servizio adiacenti, un tempo abitati da un eremita. La facciata è sghemba, condizionata dalla posizione della chiesa sul declivio del colle. La lunetta frontale contiene un ingenuo dipinto con le figure del Padre canuto (che benedice in modo trinitario), del giovane Figlio e della colomba dello Spirito Santo, ritratti sullo sfondo della fedele riproduzione della facciata della chiesa e di una delle pagliare.

Il pozzo gradinato

Il pozzo gradinato

Dopo la sosta per la visita alla chiesa ci si dirige ora verso le Pagliare di Tione, seguendo per 1,6 km la strada sterrata o scendendo sul fondo della conca sottostante (Piano di Jano). Il villaggio è distribuito a quote diverse con una cinquantina di casette di pietra autonome, distribuite a maglie larghe sui terrazzi del pendio. Costruite con pietra calcarea a pianta quadrata o rettangolare, con il tetto a spiovente, le unità più semplici si sviluppano su due piani sovrapposti, con l’abitazione in alto e la stalla a pianoterra. Le unità più ampie vedono l’edificio residenziale, arricchito da verande e cortili (le antiche aie per la trebbiatura), separato dal locale della stalla e dal pagliaio. Nel cuore del villaggio sorge la cappella dedicata alla Madonna di Loreto. La facciata si alza su un piazzale erboso ed è dotata di una gradinata che dà accesso al portale, due finestre, un oculo in alto e la cavità che ospita la campana. Al centro del villaggio si scopre la presenza più originale: un grande pozzo circolare rivestito di pietra, ricavato da un inghiottitoio naturale, dal quale veniva attinta l’acqua piovana scendendo e salendo lungo due gradinate interne e simmetriche.

La cappella della Madonna di Loreto

La cappella della Madonna di Loreto

Altri 2,5 km di sterrata (trascurando i bivi a destra per Tione) o il più interessante sentiero di fondovalle conducono in meno di un’ora al secondo villaggio, le Pagliare di Fontecchio. Non vi sono sensibili differenze rispetto all’altro villaggio, salvo le peggiori condizioni di conservazione. Osservando però con attenzione gli edifici si può ricostruirne la progressiva evoluzione storica dalle forme più semplici dei ricoveri spartani alle dimore residenziali più “confortevoli”. La distanza rilevante dai paesi di fondovalle sconsigliava il faticoso pendolarismo giornaliero; la soluzione preferibile era quella di spostare l’intera famiglia in una dimora stabile pur se temporanea. Era così possibile sfruttare appieno le ore di luce delle lunghe giornate estive per il lavoro agricolo sui campi, per la trasformazione dei prodotti agricoli, per l’allevamento del bestiame e per la lavorazione del latte. Il ritorno in paese avveniva periodicamente per poter rifornirsi di beni di prima necessità. Avendone l’opportunità è vivamente consigliabile la visita interna delle case. Si possono così apprezzare l’integrazione tra la pietra delle pareti e il legno dei pavimenti, la presenza del camino, le cisterne per la raccolta dell’acqua piovana e le opere di canalizzazione, la gestione degli spazi di lavoro e di riposo. Ulteriore elemento di interesse sono i muretti, i recinti di pietra quadrati e circolari, gli stazzi notturni per gli ovini.

7 - Edificio con gradinata esterna

Il ritorno alla chiesa della Trinità e all’auto parcheggiata si compie in circa un’ora (o poco più) percorrendo i 4 km della strada sterrata.

8 - Pagliara a sviluppo lineare e modulare dotata di camino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...