Chiavari. Il Giudizio finale di Luca Cambiaso

Il Santuario di Nostra Signora delle Grazie è incastonato nel verde del bosco della costa ligure, a picco sul mare del golfo del Tigullio, sulla statale Aurelia che esce da Chiavari e si dirige verso Zoagli e Rapallo. La sua posizione assolutamente pittoresca e spettacolare si combina poi con l’interesse degli interni, interamente rivestiti di grandi affreschi cinquecenteschi. Teramo Piaggio vi dipinse i cicli delle vite di Maria e di Gesù, utilizzando le due pareti laterali e l’abside per la crocifissione. Luca Cambiaso, che era già artista appezzato dalle famiglie patrizie genovesi, ebbe l’incarico nel 1550 di affrescare la controfacciata del Santuario, chiudendo il ciclo cristologico con l’aggiunta della raffigurazione del Giudizio universale.

Il Giudizio universale di Luca Cambiaso

Il Giudizio universale di Luca Cambiaso

La parte alta dell’affresco descrive le scene che avvengono in cielo. In basso, ai lati della porta, sono invece descritti gli avvenimenti terrestri e gli esiti del giudizio universale. Il Cristo giudice irrompe nell’alto dei cieli attraverso un varco tra le nuvole che ne incornicia la figura nella luce dorata dell’empireo. È nudo, protetto da un velo svolazzante, con le piaghe della crocifissione in evidenza; ha barbetta e capelli biondi; solleva la mano destra nel gesto della benedizione dei beati e punta minacciosamente il dito ammonitore della mano sinistra verso i dannati. Ai suoi lati sono inginocchiati gli intercessori; particolarmente accorata è l’invocazione della madre Maria, con la mano sul cuore, perché il Figlio sia misericordioso nei confronti dell’umanità risorta; con le mani giunte nel gesto della preghiera intercede anche San Pietro, primo successore di Gesù, con le chiavi del Regno appese al braccio; dietro di lui si vede il volto del terzo intercessore, Giovanni il Battista, con i capelli in disordine dopo la lunga permanenza nel deserto. Dietro gli intercessori emergono dalle nubi le figure degli angeli che sollevano gli strumenti della passione (la grande croce e la colonna della flagellazione) e li mostrano ai risorti.

Il Giudice

Il Giudice

La fascia immediatamente sottostante è popolata di angeli che stazionano sulle nubi. Al centro sono gli angeli tubicini che suonano le trombe del giudizio per risvegliare i morti. Un angelo apre il libro del giudizio nel quale sono descritte le opere buone e quelle cattive compiute dall’umanità risorta. A destra un gruppetto di angeli osserva attento gli eventi del cielo e della terra. A sinistra un altro angelo allunga il braccio per aiutare la salita verso il cielo di un risorto giudicato favorevolmente.

La risurrezione dei morti

La risurrezione dei morti

Sulla parete a sinistra del portale il pittore ha condensato tre scene diverse. La prima è la risurrezione dei morti, descritta nelle sue diverse fasi: le ossa aride, gli scheletri che si ricompongono e si rivestono della carne, i morti ancora inani e quelli che riprendono vita, i risorti che fuoriescono dalle loro sepolture sotterranee. La seconda scena è quella della separazione degli eletti dai dannati, resa mediante la contesa tra l’angelo e i diavoli per il possesso di una risorta: la donna, nuda e ben pettinata, mostra ancora i segni della sorpresa e l’aria un po’ trasognata della risurrezione; ma il suo occhio è già immagine conscia dell’ambiguità della sua vita interiore; due diavoli muscolosi e grotteschi, con gli attributi tradizionali dell’iconografia di genere (le corna, la coda, i denti aguzzi, le orecchie appuntite) cercano con la forza di strappare la donna dall’abbraccio sicuro del suo angelo custode. La terza scena è quella del gruppetto di risorti che apprende la sentenza di salvezza e guarda ormai verso il Paradiso dei beati.

L'Inferno

L’Inferno

La parete a destra del portale è dedicata all’Inferno. Un corteo di diavoli trascina o spinge con la forza i dannati; alla bocca dell’inferno i reprobi trovano altri diavoli che li attendono in atteggiamenti non propriamente amichevoli; sono quindi condotti nella grande caverna sotterranea, scura e rosseggiante di fiamme, con un religioso tonsurato bene in evidenza.

Il dipinto di Luca Cambiaso presenta alcune evidenti citazioni michelangiolesche: si guardi in particolare agli angeli senza ali che faticano a sollevare i pesi dei simboli della passione; oppure al gruppo, pur mutilato, degli angeli tubicini.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...