Visioni dell’aldilà nelle Marche. Monteleone di Fermo

Monteleone è un minuscolo borgo della valle del Tenna, che guarda dalla cresta di un colle il profilo del suo capoluogo Fermo. All’ingresso del paese sorge la chiesa dedicata alla Madonna della Misericordia (o del Crocifisso), erede delle chiese devozionali edificate al tempo della peste. Sulla parete sinistra è affrescato un grande Giudizio universale, firmato da Orfeo Presutti di Fano e datato 1548. Non è … Continua a leggere Visioni dell’aldilà nelle Marche. Monteleone di Fermo

Visioni dell’aldilà nelle Marche. Mevale

Isolato e remoto, a pochi passi dal confine con l’Umbria, Mevale è un piccolo borgo solitario, maltrattato dai terremoti. Ma chi visita Visso o l’abbazia di Sant’Eutizio a Preci non sbaglia ad allungare di qualche chilometro la sua escursione per scoprire la Pieve di Mevale. All’interno, la controfacciata è rivestita da un Giudizio Universale dipinto da Fabio Angelucci e da Ascanio Poggini nel 1600. Anche … Continua a leggere Visioni dell’aldilà nelle Marche. Mevale

Visioni dell’aldilà nelle Marche. Il Giudizio di Ramazzani ad Arcevia

Situata su un contrafforte della valle del Misa, Arcevia è una storica cittadina marchigiana circondata da mura e aperta panoramicamente verso i monti dell’Umbria e le spiagge dell’Adriatico. Il suo tesoro è la collegiata barocca dedicata a San Medardo, ricca di opere di Luca Signorelli, Giovanni della Robbia, Claudio Ridolfi. Inevitabilmente, però, ad attirare la maggiore curiosità è l’accentuato cromatismo manierista di un’animatissima tela dedicata … Continua a leggere Visioni dell’aldilà nelle Marche. Il Giudizio di Ramazzani ad Arcevia

Maiella. Le Pajare sul tratturo di Roccamorice

La Maiella è una montagna amata. Gli escursionisti tornano appagati dalle lunghe e panoramiche ascese al monte Amaro e alle altre cime del massiccio. Le passeggiate di bassa quota che partono dalla corona di paesi incastonati alle sue pendici sono una piacevole esperienza di scoperta dei gioielli della natura. Ma i motivi di maggiore attrazione della Maiella sono quelli nascosti nelle pieghe dei suoi valloni, … Continua a leggere Maiella. Le Pajare sul tratturo di Roccamorice

Molise. I muretti di pietra di Mennella

Ci si può emozionare di fronte a un muretto di pietra? Sì, proprio un semplice muretto, di quelli tirati su da anonimi artigiani con pietre grezze, che troviamo dappertutto, in campagna come in città, in montagna come nei poderi di campagna? Se ci pensiamo bene ci sono luoghi in Italia dove questa emozione la si prova davvero. Pensiamo ai muretti delle Cinque Terre in Liguria … Continua a leggere Molise. I muretti di pietra di Mennella

L’architettura agro-pastorale sulla Maiella: l’anello del Colle della Civita

Il villaggio pastorale del Colle della Civita è ormai diventato un’attrazione per i frequentatori della Maiella. Esso combina il pregio della sua facile accessibilità all’assoluta originalità del complesso. È un villaggio su più livelli, interamente costruito in pietra a secco nel 1940, appoggiato alla parete rocciosa del Colle della Civita, destinato ad accogliere i pastori durante la permanenza estiva sui pascoli montani. Una piccola cittadella … Continua a leggere L’architettura agro-pastorale sulla Maiella: l’anello del Colle della Civita

Sulle Vie Francigene del Sud. L’anello urbano di Ferentino

Tra i diversi possibili percorsi delle vie Francigene del Sud, che collegavano Roma ai porti d’imbarco pugliesi per la Terrasanta, la Via Latina fu nel Medioevo un itinerario di collegamento con la Campania alternativo alla Via Appia. Traversava i Castelli Romani, lambiva le colline sui cui sorgevano Anagni e Ferentino, a San Pietro Infine voltava verso Venafro, da qui a Caianello e quindi a Capua, … Continua a leggere Sulle Vie Francigene del Sud. L’anello urbano di Ferentino