Linea Gustav. Le posizioni tedesche su Monte Cairo

Terelle

Terelle

Monte Cairo appare come una montagna isolata, ripida e slanciata, che si solleva dalla pianura con un balzo che raggiunge la cima, su una cresta allungata e orizzontale, a 1669 metri. Verso sud protende la sua cresta di colli, teatro delle battaglie di Cassino, compresi tra i paesi di Villa Santa Lucia e Caira, che si arrestano bruscamente sullo sperone di Montecassino, dove la ricostruita Abbazia domina la moderna città di Cassino. Verso nord il monte Campanella (1318 m.) sovrasta Terelle e i suoi colli. Il gruppo prosegue poi con una serie di cocuzzoli minori in direzione di Atina e Villa Latina. La guerra aveva lasciato il territorio di Terelle disboscato e defoliato e inoltre devastato da trinceramenti, reticolati e campi minati. Oggi delle opere di guerra non resta quasi più traccia. L’opera di bonifica del dopoguerra, la riforestazione, il lavoro dei contadini per rimettere a coltura le terre, hanno riappacificato l’uomo con la natura. Si tratta di zone comunque remote, talora selvagge, lontane dai flussi turistici, pochissimo conosciute. Proprio per questo offrono all’escursionista emozioni e gusto della scoperta. Alcuni interventi di restauro delle costruzioni militari ancora praticabili offrono certamente un incentivo anche a turisti curiosi e in cerca di memorie.

Le casermette

Le casermette

La guerra a Monte Cairo

Il Rifugio forestale

Il Rifugio forestale

La seconda guerra mondiale ha segnato a fondo il settore di Monte Cairo. La linea Gustav consisteva in una fascia di fortificazioni sui monti e sui colli lungo il corso del fiume Rapido. Adeguandosi alla conformazione dei luoghi i tedeschi attrezzarono i monti con artiglieria in grado di colpire gli obiettivi posti a valle e con l’artiglieria contraerea. I colli intorno a Terelle furono trincerati. Le postazioni difensive furono collocate sul terreno in posizioni dominanti tali da sfruttare al massimo l’eccellente visibilità. I lavori di costruzione delle infrastrutture (casematte, bunker corazzati, ricoveri, postazioni in caverna) si svolsero nell’autunno del 1943. L’urgenza di progredire nei lavori, motivata dallo sbarco a Salerno e dalla risalita delle armate alleate, costrinse i tedeschi ad affiancare i lavori assegnati alle ditte private con interventi diretti del genio militare e della Todt. I tedeschi reclutarono forzosamente l’ingente manodopera necessaria con frequenti rastrellamenti, prima solo diurni e poi anche notturni, di uomini nei paesi circostanti. Fu potenziata la modesta viabilità locale e furono costruite nuove strade, come la Neumann che collegava Terelle a Belmonte. Altre vie di penetrazione collegavano i paesi della valle del Melfa alla prima linea, per consentire i movimenti di truppe, l’arrivo dei rifornimenti e la gestione degli ospedali di campo.

L'osservatorio sul campo di battaglia di Montecassino

L’osservatorio sul campo di battaglia di Montecassino

La zona di Monte Cairo fu interessata dalla battaglia del Belvedere, che si svolse nell’ultima settimana di gennaio del 1944 e si aprì con il bombardamento aereo di Terelle. Il corpo di spedizione francese, comandato dal generale Juin, aveva la responsabilità della zona del Rapido. La divisione di fanteria maghrebina, comandata dal maggiore generale de Monsabert, diede l’assalto alla zona dei colli di Terelle. La resistenza dei tedeschi fu accanita e spense l’impeto delle truppe comandate dai francesi costringendole a un’onerosa guerra di posizione per tutta la durata della guerra.

Ricovero in caverna

Ricovero in caverna

L’itinerario

Il secondo osservatorio

Il secondo osservatorio

La passeggiata che proponiamo sfrutta la strada sterrata che percorre il versante occidentale di Monte Cairo mantenendosi costantemente a una quota di circa 1200 metri. Il percorso è molto panoramico, poco faticoso e presenta dislivelli molto limitati. Da Cassino e da Caira si salgono i tornanti stradali che raggiungono il borgo di Terelle. Dalla parte alta del paese si prosegue ancora sui tornanti di strada asfaltata, seguendo l’indicazione per il rifugio forestale. Si parcheggia dove l’asfalto termina (1140 m.), in corrispondenza di una sbarra, o poco prima, sul piazzale di un vecchio edificio ridotto a rudere.

L'accesso al ricovero

L’accesso al ricovero

Superata il varco si va ora a sinistra sulla larga strada bianca del rifugio. Dove la strada svolta a destra, cambiando versante, un piazzale panoramico con tabella informativa permette di godere di una visuale amplissima su tutto il Cassinate. Più avanti la strada termina davanti agli edifici delle “Casermette”. Si tratta di un gruppo di edifici costruiti dai tedeschi per il ricovero dei soldati destinati alle batterie di artiglieria dislocate sulle piazzole della zona. Sono due dormitori rettangolari bassi e lunghi, raccordati da un edificio di servizio e sovrastati da un rifugio a due piani. Il sito è dotato anche di una cisterna per la provvista d’acqua. L’intero complesso è stato recentemente restaurato e ristrutturato dalla Comunità montana per uso eco-turistico. Lasciata la strada, si prosegue sul sentiero forestale protetto da staccionate che sale con regolarità nella pineta. Dopo pochi minuti incontriamo un osservatorio tedesco di artiglieria che sfrutta uno spuntone roccioso naturale, attrezzato con un locale sottostante scavato nella pietra del monte. La felice posizione panoramica permette di osservare in dettaglio tutto il campo di battaglia dei colli di Montecassino e le vie di movimento delle truppe nella piana del Liri. Due pannelli informativi e un tavolo da picnic arricchiscono il sito. Poco più in alto, sulla verticale, troviamo un secondo punto di osservazione che si raggiunge con un lungo tornante nel bosco. Un ricovero sotterraneo è coordinato con la zona trincerata e con le piazzole dell’artiglieria. Nuovo ampio panorama che si allarga ai monti dell’alto Casertano, agli Aurunci e al Mar Tirreno. Fin qui avremo impiegato 45 minuti.

Ricovero sotterraneo

Ricovero sotterraneo

Volendo, l’escursione può essere proseguita in direzione della ventosa cima di Monte Cairo, a 1669 metri di quota. Altrimenti si torna indietro fino alla sbarra (e al parcheggio). Si prosegue ora in direzione opposta sulla strada sterrata che sale leggermente nel bosco, raggiunge un dosso, traversato da un sentiero segnato, e si abbassa subito dopo traversando a mezzacosta.

I "laghi"

I “laghi”

A destra sul fondo si scorge un pianoro (“i laghi”), ricco d’acqua, con cisterna e fontanile di abbeverata per il bestiame; lo si raggiunge scendendo direttamente nel bosco lungo il Fosso del Faggeto o più avanti grazie a una pista che diverge dalla sterrata; qui aveva sede una base logistica tedesca. Proseguendo sulla strada principale si raggiunge la località “la Forcella” (1184 m.).

La Forcella e il monte Campanella

La Forcella e il monte Campanella

A destra si può salire in breve alla serie di cocuzzoli che costituiscono il Monte Campanella (1318 m.), sede di un’importante batteria di artiglieria tedesca. Dalla Forcella, con una deviazione sulla sinistra, si sale alla sella dov’è il piccolo Rifugio di Pozzacone, così chiamato per i suoi tre pozzi in quota al suo fianco e per quelli nella conca sottostante. Pozzacone era una base logistica tedesca, con postazioni di artiglieria e luogo di transito delle truppe da e per il fronte. Su questo versante il panorama si apre sui monti del Parco nazionale d’Abruzzo (con il Breccioso, la Cornacchia e la costiera del Petroso in evidenza) e sulla sfilata di tutte le cime delle Mainarde. La seconda parte dell’escursione richiede due ore a/r.

Il campo di battaglia del Belvedere

Il campo di battaglia del Belvedere

La descrizione degli itinerari escursionistici sulla Linea Gustav si trova nel sito: http://www.camminarenellastoria.it/index/LINEA_GUSTAV.html

Memorie di guerra

Memorie di guerra

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Campi di battaglia e contrassegnato come , , , da carlofinocchietti . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su carlofinocchietti

Carlo Finocchietti dirige a Roma un’agenzia europea specializzata nella mobilità accademica internazionale e nel riconoscimento dei titoli di studio esteri. I suoi interessi di ricerca e le sue pubblicazioni si concentrano sull’internazionalizzazione dei sistemi universitari, l’orientamento professionale e i rapporti tra università e industria. Camminatore appassionato e curioso ha esplorato e descritto in diversi volumi intriganti percorsi escursionistici legati alla memoria storica dell’Italia centrale.

2 thoughts on “Linea Gustav. Le posizioni tedesche su Monte Cairo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...