Lettomanoppello. Un monumento al pastore

Il monumento al pastore nella pietra di Lettomanoppello

Il monumento al pastore nella pietra di Lettomanoppello

Monumenti dedicati ai pastori sorgono in diverse località italiane ed estere. Il paese che erige questi monumenti come segni della propria identità vuole testimoniare pubblicamente almeno tre elementi: il legame storico tra la comunità del paese e la pastorizia, il contributo economico che la pastorizia ha apportato allo sviluppo del paese, la riconoscenza della generazione di oggi alle fatiche dei padri e degli antenati. I monumenti al pastore presenti in città come Segovia, Lucerna o Frosolone attestano anche un legame storico regionale e nazionale (tipico di Spagna, Svizzera e Italia) con le pratiche della transumanza. Carattere diverso hanno invece i monumenti ai pastori eretti lungo i tratturi o nel deserto dei pascoli d’alta quota. I monumenti presso la chiesa di Santa Maria dei Cintorelli e nell’area pastorale di Fonte Macina a Campo Imperatore vogliono evocare l’esperienza umana e sociale dei pastori in un contesto naturale talvolta inospitale e tutt’altro che arcadico e ricordare i drammi sociali dell’emigrazione.

Il pastore con il suo cane e il gregge. L'aquila rapisce un agnello

Il pastore con il suo cane e il gregge. L’aquila rapisce un agnello

Il monumento recentemente eretto a Lettomanoppello, al bivio per la Fonte del Papa Celestino V, lungo la strada che sale alla Maiella, attesta un’ulteriore originalità. Oltre alla pastorizia il monumento sottolinea il legame degli artigiani locali con la bianca pietra della Maiella e le cave dei dintorni. L’arte degli scalpellini lettesi è valorizzata dall’associazione “De Lecto in pietra”. E il pastore ritratto nel monumento porta in braccio la “firma” di questa tradizione tutta lettese. Nel blocco scolpito vediamo il pastore sul tratturo che guida al pascolo transumante una pecora e un montone con l’aiuto del suo fido cane. Alle sue spalle compaiono i suoi tradizionali avversari, ospiti del Parco nazionale della Maiella: l’aquila degli agnelli, il lupo e l’orso.

Il gregge, il lupo e l'orso

Il gregge, il lupo e l’orso

Per un approfondimento si segnala la sezione del sito dedicata all’architettura pastorale: http://www.camminarenellastoria.it/index/trat_approf_arch.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...