Puglia. La Rocca del Garagnone e la Masseria Melodia

La Masseria Melodia

La Masseria Melodia

La Rocca del Garagnone è un magnifico osservatorio sul versante occidentale dell’alta Murgia e sul paesaggio della Fossa Bradanica. Il secolare passaggio delle greggi sullo storico Tratturo Regio che collegava Melfi a Castellaneta, alternando la transumanza “vernotica” (invernale) a quella “statonica” (estiva), ha provocato la rarefazione del bosco e la diffusione dei pascoli, disegnando il tipico paesaggio della Murgia, una steppa arida fatta di cespugli di arbusti e bassa vegetazione. A questo paesaggio secco, ondulato e solcato dalle lame,sorvolato dai falchi grillai, fa contrasto la pianura della Fossa, più fresca e adatta alle coltivazioni estensive. Ma è soprattutto il paesaggio della pietra a colpire l’osservatore. Nella nostra breve passeggiata i protagonisti sono gli spuntoni di calcare, le rocce affioranti, le colline spoglie, i muretti di pietra a secco, gli stazzi, le masserie, le cisterne. E tutto questo mondo di pietra è spiato da un vecchio castello diroccato, la vedetta dell’alta Murgia.

La residenza del massaro

La residenza del massaro

Itinerario

La via più semplice e rapida per visitare la Masseria Melodia si trova al km 43,4 della strada provinciale 230 (ex statale 97), tra Minervino Murge e Gravina in Puglia, nei pressi del cartello di confine tra le province di Bari e Barletta-Andria-Trani. Una strada sterrata, sconnessa e polverosa, conduce in 1,5 km al cancello d’accesso. In alternativa, una strada più comoda, lunga circa 4 km, parte dalla stazione di Poggiorsini.

La cappella della masseria

La cappella della masseria

Si visita la masseria chiedendo ovviamente il permesso al pastore, se presente, senza disturbare gli animali. L’edificio centrale a due piani, fortificato con una garitta angolare, serviva da residenza al massaro e alla sua famiglia. Accanto alle abitazioni sorge una caratteristica cappella con il campanile a vela, utilizzata per il servizio religioso del massaro, dei contadini e dei pastori. Si notano inoltre le stalle e gli opifici per la lavorazione del latte e dei prodotti agricoli; come pure i depositi per gli attrezzi agricoli e i magazzini per la conservazione del grano e della paglia, legame con la cerealicoltura.

Veduta posteriore della masseria

Veduta posteriore della masseria

Accanto alle vecchie strutture sono in fase di costruzione nuovi ambienti coperti affiancati. Particolare attenzione meritano le strutture per la gestione dell’acqua. La cisterna interna e quella esterna alla masseria state costruite per far fronte alla carenza di acqua superficiale e garantirsi l’approvvigionamento idrico, sia per uso personale sia agricolo. Le cisterne sono fosse sotterranee foderate di pietre e costruite lungo il fondo lama dove l’acqua convoglia naturalmente. Un’apertura laterale permette il passaggio dell’acqua che si accumula prima in una vasca di decantazione, sul cui fondo si depositano terra, detriti, foglie, e poi passa nella cisterna. Sul tetto spiovente in pietra è aperto un pozzo dal quale l’acqua può essere prelevata con funi e secchi. Il vicino canale artificiale in cemento è stato costruito da un consorzio di bonifica per la sistemazione idraulica del bacino di Capodacqua e destinato a scopi irrigui ma è rimasto del tutto inutilizzato.

I recinti degli stazzi

I recinti degli stazzi

Dietro la masseria, sul declivio del colle, sono ancora visibili gli jazzi all’aperto, costruiti per il ricovero notturno delle greggi. Sono divisi in scomparti per tenere separate le diverse tipologie ovine e sono dotati di lastre sporgenti sui muri esterni con funzione di barriere anti intrusione. Sono costruiti in pendenza per favorire lo spurgo delle deiezioni e la pulizia dei giacigli. Alla base degli jazzi resistono gli ambienti dove i casari provvedevano alla lavorazione del latte e alla produzione del formaggio.

L'ovile e la lana tosata

L’ovile e la lana tosata

Saliamo ora alla Rocca del Garagnone, seguendo il sentiero nel solco della lama che separa i due mammelloni rocciosi soprastanti. Un ripido evidente sentierino sale sulla cresta alle spalle della Rocca e conduce in breve tra i resti del castello. Restano visibili solo alcuni ambienti sotterranei e tratti di mura che si mimetizzano con i banchi rocciosi.

La Rocca del Garagnone

La Rocca del Garagnone

Più interessante è il panorama che si gode dalla vetta. Vista dall’alto la Masseria Melodia svela le geometrie che la governano, insieme con gli stazzi e il mungituro retrostanti. Il paesaggio è caratterizzato dalle ripide scarpate e dalle lame che scendono dall’altopiano delle Murge verso l’area pianeggiante sottostante, la Fossa bradanica con lo sterminato patchwork dei suoi appezzamenti coltivati. All’orizzonte si stagliano il profilo del Monte Vulture e la linea di cresta delle montagne dell’Appennino lucano. Scesi nella lama si può risalire brevemente il cocuzzolo di fronte per curiosare nella grande grotta, per poi tornare all’auto. In tutto avremo impiegato circa un’ora.

Le mura esterne della Rocca

Le mura esterne della Rocca

Per approfondire

Locale sotterraneo

Locale sotterraneo

Al Garagnone è dedicata una specifica guida di educazione ambientale del Parco nazionale dell’Alta Murgia, disponibile nella sezione Pubblicazioni del sito http://www.parcoaltamurgia.gov.it/. Una Guida agli Itinerari escursionistici nel Parco, curata da Gianni Pofi, è pubblicata dall’editrice Adda di Bari. In rete sono disponibili due studi sulla Rocca del Garagnone a cura di Tonio Brusa (http://www.mondimedievali.net/Castelli/Puglia/bat/garagnone.htm) e Maurizio Triggiani (https://mat1968.files.wordpress.com/2010/12/il-castello-del-garagnone.pdf).

La cisterna dell'acqua

La cisterna dell’acqua

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...