Grande Guerra. Sui luoghi della battaglia di Monte Zugna

Il fronte di guerra sullo Zugna

Il fronte di guerra sullo Zugna

Il Monte Zugna è soprattutto noto nella storia della Grande Guerra per l’epica resistenza italiana opposta all’offensiva austriaca (Strafexpedition) del maggio 1916. Lo Zugna si trovava in territorio trentino e quindi nell’area controllata dagli austriaci. Questi provvidero ad attrezzarlo con una strada di accesso, con le caserme per ufficiali e soldati e un impluvio per la raccolta dell’acqua piovana. Ma all’inizio della guerra gli austriaci preferirono accorciare il fronte e arretrarono le loro linee fino a Rovereto. Così, nel maggio-giugno 1915, lo Zugna fu occupato dall’esercito italiano che vi costruì proprie trincee, strade, baracche, teleferiche e acquedotti. Geograficamente il monte Zugna con la sua dorsale divide longitudinalmente il territorio del basso Trentino ponendosi a cavallo tra due direttrici fondamentali nel collegamento tra nord e sud: la Vallagarina e la Vallarsa.

2 - Il rifugio Coni Zugna

Il generale Conrad aveva già identificato nella Vallarsa uno dei punti migliori per entrare in Italia. Arrivando in cima al monte Zugna si percepisce immediatamente la sua grande rilevanza strategica con la vista che raggiunge il passo del Pian delle Fugazze oltre il quale si apre la pianura veneta e Vicenza mentre sul versante dell’Adige si apre l’area di Verona. Nella primavera 1916 gli austro-ungarici lanciarono un’offensiva in direzione del Veneto e tentarono di impadronirsi della Vallarsa.

La palazzina ufficiali

La palazzina ufficiali

Gli italiani li fermarono proprio sullo Zugna che ne costituisce uno dei versanti: nonostante lunghi bombardamenti e ripetuti e assalti, gli austro-ungarici non riuscirono a superare la resistenza italiana a passo Buole e al “Trincerone”, lo sbarramento realizzato nel punto più stretto del crinale. Si parlò allora di “Termopili d’Italia”. Da quel momento, fino alla fine del conflitto, i due eserciti si logorarono in una lunga guerra di posizione. Ne sono testimonianza i cimiteri e le numerose linee di trincee.

Il vecchio cimitero di guerra

Il vecchio cimitero di guerra

Oggi l’intera area di Monte Zugna, cui la strada militare asfaltata che da Albaredo sale verso la cima funge da spina dorsale, è stata interessata da lavori pluriennali di restauro ambientale e di ricupero dei manufatti militari: postazioni d’artiglieria, acquedotti, trincee, gallerie e cimiteri militari. Questi lavori sono stati promossi e finanziati di concerto tra tutte le istituzioni e le forze economiche locali, ponendosi così come un’esperienza assolutamente esemplare di valorizzazione storica del territorio.

L'impluvio per la raccolta dell'acqua piovana

L’impluvio per la raccolta dell’acqua piovana

Il percorso, lungo circa 11 km, è corredato da una fittissima segnaletica dettagliata, con oltre 200 totem e pannelli descrittivi trilingue. Si parte da quota 900, poco sotto Malga Tof, si transita nelle retrovie e nella prima linea austro-ungarica, si traversa la terra di nessuno, si seguono le linee e le retrovie italiane fino alla cima.

L'ingresso del baraccamento per i soldati

L’ingresso del baraccamento per i soldati

L’itinerario qui proposto si snoda nel tratto più alto del monte Zugna, particolarmente ricco di testimonianze e di memorie. Prevede che da Rovereto e Albaredo si raggiunga in auto il rifugio Coni Zugna (1616 m) dove è possibile parcheggiare. Il Rifugio, in bella posizione panoramica, dispone di ampio materiale informativo. Dopo il Rifugio la strada diventa sterrata e chiusa al traffico motorizzato. Nell’area sono presenti un osservatorio astronomico, una cappella votiva, un’area picnic e un percorso di land art.

Postazione in caverna per cannone

Postazione in caverna per cannone

La strada guadagna quota grazie a quattro tornanti con piacevole percorso nel bosco e raggiunge il pianoro del “Parco della pace”. In questo tratto si costeggiano il “Sass dei usei” con le sue gallerie in roccia e le feritoie delle mitragliatrici, un impressionante cratere generato dall’esplosione di una granata di grosso calibro, le tracce di costruzione della strada militare e i resti della trincea perimetrale del caposaldo. Il “parco della pace” ospita resti di costruzioni (la palazzina degli ufficiali, i baraccamenti per i soldati, l’infermeria, la vasca dei muli, il magazzino, gli uffici di compagnia) e un grande impluvio per l’acqua piovana allestiti dagli austriaci ma abbandonati nel 1915 e i manufatti realizzati successivamente dagli italiani (le gallerie in roccia, le postazione di artiglieria in caverna, l’acquedotto, un piccolo cimitero.

Pannello infomativo

Pannello infomativo

La strada si restringe, diventa mulattiera, guadagna ulteriore quota e raggiunge la cima del monte Zugna (1863 m), molto panoramica su Rovereto, la Vallarsa, il Pasubio e la valle dell’Adige. In questo tratto si osservano in successione un piccolo rifugio, la postazione di un cannone antiaereo, un osservatorio circolare con l’indicatore delle montagne che fanno corona allo Zugna, tracce di trincee e postazioni e la grande croce di vetta. La passeggiata è molto remunerativa, non è faticosa, si sviluppa su un dislivello di 250 metri e richiede circa 2 ore tra andata e ritorno, più il tempo per le visite. Disponendo di più tempo è possibile proseguire l’itinerario di cresta (sentiero 105 o della pace) fino al Passo Buole e ridiscendere sul percorso assistito fino alla Malga Tof.

La tavola di orientamento su monte Zugna

La tavola di orientamento su monte Zugna

La croce di vetta

La croce di vetta

Annunci

One thought on “Grande Guerra. Sui luoghi della battaglia di Monte Zugna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...