Il Cammino di Santiago in Spagna. La traversata di Pamplona

L'antico selciato

L’antico selciato

Il Camino Francés, il più popolare tra i diversi percorsi del Camino de Santiago, entra in Spagna traversando diagonalmente la Navarra. Da Valcarlos/Luzaide, località di confine legata ai ricordi di Carlo Magno, si raggiunge la Roncisvalle della Chanson de Roland, con la sua Real Colegiata de Santa Maria; si traversa poi Pamplona/Iruña, capoluogo della Navarra e antica capitale del Reyno, e si prosegue verso altre note località del Camino come Puente de la Reina/Gares ed Estella/Lizarra. Pamplona, ricca di chiese e monumenti, cinta dalle mura e dotata di due università è sicuramente la tappa più interessante del Camino in Navarra. La traversata della città sul Camino consente di coglierne gli aspetti migliori.

Puente de la Magdalena

Puente de la Magdalena

Entriamo in città attraversando il Parco fluviale dell’Arga, una grande area verde che segue i meandri del fiume e separa il centro di Pamplona dai quartieri periferici a nord, e scavalcando il fiume sul pittoresco Puente de la Magdalena.

Muralla de Pamplona

Muralla de Pamplona

Costeggiamo ora la Muralla, il tratto nord-orientale delle mura cittadine ed entriamo nel centro storico attraverso il Portal de Francia. Il sistema difensivo delle mura è tra i meglio conservati della Spagna e circonda il centro con cinque km di pareti, bastioni, baluardi, porte, mezze lune, rivellini e fortini.

Claustro: Puerta del Arcedinato

Claustro: Puerta del Arcedinato

 Ci dirigiamo verso la Cattedrale di Santa María. Non c’inganni la facciata neoclassica. Se dell’originale romanico resta appena qualche capitello, l’interno in stile gotico si fa apprezzare anche a seguito dei restauri che hanno riguardato i dipinti, le opere d’arte e le tombe reali. Il chiostro, con le sue belle porte scolpite, gli archi e la cappella, è considerato uno dei più belli nello stile gotico. Merita una visita anche il Museo diocesano.

Ayuntamiento

Ayuntamiento

 Raggiungiamo l’Ayuntamiento. La sede della municipalità di Pamplona è situata nel cuore del centro storico, in un sito dove confluivano i tre borghi medievali (Navarrería, San Saturnino e San Nicolás). Fu costruita nel Quattrocento come simbolo del consolidamento di una città unita.

Museo di Navarra: affresco proveniente da Artajona

Museo di Navarra: affresco proveniente da Artajona

Tappa d’obbligo è il Museo della Navarra, che occupa un antico ospedale urbano. La visita aiuta a capire l’arte e la storia della Navarra dalla preistoria fino ai giorni nostri. Di rilievo, per i nostri gusti, la pittura medievale.

San Saturnino: il portale del Giudizio finale

San Saturnino: il portale del Giudizio finale

 Il Camino di Santiago ha una sua tappa significativa nella chiesa di San Saturnino o San Cernin. Qui, secondo la tradizione, il vescovo Saturnino, patrono di Pamplona, battezzava i primi cristiani della città (un piccolo pozzo lo ricorda). La chiesa rappresentò il cuore della vita religiosa del vecchio borgo ma svolgeva anche la funzione di fortificazione militare di difesa della popolazione, come dimostrano le due alte torri fortificate. Da notare, sotto il portico, il timpano del Giudizio finale sul portale della chiesa.

Calle Mayor

Calle Mayor

Percorriamo la Calle Mayor, il corso cittadino sula quale si affacciano i palazzi più importanti: il Palacio del Condestable, residenza arcivescovile durante il Sei-Settecento, il Palacio de los Redìn y Cruzat e il barocco Palacio de Ezpeleta.

Parque de la Taconera

Parque de la Taconera

Passeggiamo nei giardini della Taconera, un bel parco urbano che combina il gradevole arredo vegetale e floreale con pittoreschi elementi architettonici, sculture e monumenti.

Ciudadela

Ciudadela

Costeggiamo la Ciudadela, fortificazione a pianta pentagonale con cinque baluardi angolari. L’eleganza del disegno ne fa il miglior esempio di architettura militare del Rinascimento spagnolo. Oggi è un ulteriore polmone verde a disposizione degli abitanti di Pamplona.

Il pozzo di San Saturnino

Il pozzo di San Saturnino, antico fonte battesimale

Dopo aver attraversato il Bosquecillo, il Cammino di Santiago lascia la città storica all’altezza della Vuelta del Castillo e prosegue lungo la Fuente del Hierro, il quartiere di Iturrama e il campus universitario. Il prossimo obiettivo è il Puente de la Reina.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...