Abruzzo. Il tratturo di Raiano e le fortificazioni italiche di Monte Urano

Veduta di Raiano

Veduta di Raiano

Raiano è interamente attraversata dall’antica via della transumanza dal tratturo Celano-Foggia. Questo Regio Tratturo raccoglieva a Celano i flussi pastorali della zona Velino-Sirente, costeggiava il bordo settentrionale della conca del Fucino e, attraverso la Valle Subequana, raggiungeva a Raiano la conca Peligna; traversata la conca, toccava Sulmona e iniziava la salita che dalla valle del Gizio, via Pettorano e Rocca Pia, conduceva al piano delle Cinquemiglia; il valico della Portella mette poi in comunicazione con gli altipiani maggiori di Rivisondoli, Pescocostanzo e Roccaraso. Per Raiano il tratturo è un segno identitario della sua storia. Suggeriamo quindi una panoramica escursione “storica”, con partenza da Raiano (a quota 400 m), che ripercorre il tratturo in direzione della valle Subequana, raggiunge il valico della Serra e, con poca fatica, percorre la cresta di monte Urano (1080 m), dove l’interesse per il panorama si somma alla passione archeologica per la scoperta dei resti di una cinta fortificata italica.

Le fortificazioni italiche su monte Urano

Le fortificazioni italiche su monte Urano

Percorsi il Viale Tratturo e il Viale Di Bartolo, ancora all’interno dell’abitato di Raiano, superato poi il passaggio a livello ferroviario e attraversata la Strada Statale Tiburtina, si sale lungo lo sterrato tratturale che conduce agli uliveti della zona della Civita. Sulla destra una breve deviazione conduce al colle del Castellone (626 m), dove si rinvengono gli antichi resti del primo nucleo abitativo di Raiano. Si proseguendo a margine o direttamente sul tracciato della strada provinciale per Goriano Sicoli (poco trafficata) e, tagliato un tornante, si giunge al valico della Serra (849 m), in corrispondenza di un pannello informativo del Parco dedicato al monte Urano. Sin qui è ovviamente possibile arrivare in auto, risparmiando dislivello.

Il Morrone, la conca Peligna e Raiano

Il Morrone, la conca Peligna e Raiano

Si lascia il percorso del tratturo pastorale che continua comunque verso l’abitato di Goriano Sicoli e si parte a piedi verso destra, sul tratto iniziale della cresta di monte Urano, seguendo le frequenti paline segnaletiche. Lo strappo iniziale è forse un po’ ruvido ma può essere addolcito con più comodi tornanti. Poco più in alto, tuttavia, in corrispondenza di una pinetina, la pendenza scema notevolmente. Si prosegue ora su un sentierino, via via più evidente. Più in alto s’incrocia il muraglione di grosse pietre, che cingeva l’area fortificata. Se ne può percorrere un tratto alla base per osservarne la struttura.

Il Sirente e la valle Subequana

Il Sirente e la valle Subequana

Un agevole percorso conduce ora alla cima di Monte Urano, individuata da un palo di legno. Splendido è il panorama circolare che si osserva dalla vetta.

Sulla cima di monte Urano

Sulla cima di monte Urano

A oriente è la conca peligna segnata dall’emergenza del monte San Cosimo e cinta dal Morrone che qui si osserva in tutta la sua lunghezza, dalle gole di Popoli fino a Pacentro. Della Maiella si osserva la cresta che va dal monte Amaro al guado di Coccia. Al di là sono la sottile cresta del Porrara, il Pizzalto e la Rotella, che si alza direttamente da Sulmona con il Colle Mitra. A sud il panorama è segnato dalle Serre e dalle pale dell’impianto eolico del monte Prezza, dietro il quale si alzano la Genzana e i monti di Cocullo e di Scanno. A occidente si osserva l’intera valle Subequana dominata dal San Nicola e dal Sirente.

Forca Caruso e il monte Ventrino

Forca Caruso e il monte Ventrino

L’intero percorso richiede 4,15 ore, tra andata e ritorno. La cresta di monte Urano richiede quaranta minuti per la salita e trenta per la discesa.

La mappa dell'escursione

La mappa dell’escursione

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...