Le catacombe ebraiche di Venosa

La comunità ebraica di Venosa, in Basilicata, era probabilmente una delle tante comunità della diaspora, migrate in Italia dopo la distruzione del Tempio di Gerusalemme per mano dei Romani di Tito. Nei primi secoli, tra il quarto e il sesto, questa comunità aveva raggiunto anche una certa floridezza economica. E poteva permettersi di seppellire i suoi defunti in un cimitero proprio, scavato nel tufo della … Continua a leggere Le catacombe ebraiche di Venosa

Libano. I monasteri rupestri della Valle santa

Sono un appassionato della Maiella. Ne percorro i sentieri e amo i suoi eremi mimetizzati tra le rocce. Nulla di strano. Una passione condivisa da tanti. Anche Ignazio Silone amava questa montagna, attratto dal singolare intreccio di bellezze naturalistiche e memorie storiche. La definiva una Tebaide di eremiti. Ma c’era un’altra affermazione di Silone che mi era sempre rimasta impressa in memoria: “La Maiella è … Continua a leggere Libano. I monasteri rupestri della Valle santa

Bolsena. La catacomba di Santa Cristina

La sepoltura di Cristina, martire giovinetta, e la basilica che la onora si trovano sulla riva del lago di Bolsena, lungo la via Cassia, la tradizionale strada percorsa dai pellegrini medievali diretti a Roma. Nel suo diario di viaggio del decimo secolo l’arcivescovo Sigerico ricorda la tappa di S(an)c(t)a Cristina situata tra Acquapendente e Montefiascone. Ancora oggi i neo-pellegrini che affrontano la via Francigena sostano volentieri … Continua a leggere Bolsena. La catacomba di Santa Cristina

L’Abbazia di Mont-Saint-Michel

Un minuscolo monte in riva al mare, al confine tra Bretagna e Normandia. Praticamente uno scoglio. Ma per definire questo luogo sorto tra acqua e terra gli scrittori non risparmiano i superlativi: meraviglia dell’occidente, baia immensa, teatro grandioso, gigantesche maree, singolarità irriducibile, paesaggio assoluto, sovraccarico d’emozioni, estatico excessus mentis. La mattina del mio arrivo scorro anche la leggenda del Mont-Saint-Michel di Guy de Maupassant. Ed … Continua a leggere L’Abbazia di Mont-Saint-Michel

L’Abbazia di Morimondo

Dodici monaci e il loro abate Gualchezio, provenienti da Morimond in Francia, arrivarono qui, in questa terra di cascine compresa tra le attuali Abbiategrasso e Motta Visconti, il 4 ottobre del 1134. A questi monaci, seguaci di San Bernardo di Chiaravalle, si deve la bonifica e la valorizzazione agricola dei territori a sinistra del Ticino. E alla vitalità della loro comunità monastica si deve anche … Continua a leggere L’Abbazia di Morimondo

Il viaggio di San Nilo (3). L’Abbazia di Grottaferrata

Nicola, un giovane calabrese di Rossano, diventa monaco col nome di Nilo (910-1004). Vive prima nella comunità ispirata alla regola di San Basilio, poi si fa eremita, con dedizione totale a preghiera e studio. Legge i Padri della Chiesa, compone inni, trascrive testi con grafia rapida ed elegante. È maestro di nuovi monaci a Rossano, con un metodo selettivo. Devono essere studiosi, eccellenti anche in … Continua a leggere Il viaggio di San Nilo (3). L’Abbazia di Grottaferrata

Il viaggio di San Nilo (2). Gaeta e il Sérapo

Nicola, un giovane calabrese di Rossano, diventa monaco col nome di Nilo (910-1004). Vive prima nella comunità ispirata alla regola di San Basilio, poi si fa eremita, con dedizione totale a preghiera e studio. Legge i Padri della Chiesa, compone inni, trascrive testi con grafia rapida ed elegante. È maestro di nuovi monaci a Rossano, con un metodo selettivo. Devono essere studiosi, eccellenti anche in … Continua a leggere Il viaggio di San Nilo (2). Gaeta e il Sérapo