Sui colli di Fiesole

Dalla terrazza panoramica di via Verdi a Fiesole il colpo d’occhio su Firenze estasia la vista e rasserena il cuore. Dalla cupola di Brunelleschi lo sguardo si allarga progressivamente al cuore della città e poi alla conca attraversata dall’Arno e alla cerchia di colli. Sulle morbide curve del paesaggio si appuntano tre elementi di verticalità: i campanili delle chiese, le torri dei palazzi e gli … Continua a leggere Sui colli di Fiesole

Linea Gotica. Il Cimitero militare tedesco del passo della Futa

Nel 1944 il passo della Futa costituiva un punto di forza della Linea Gotica. I tedeschi vi costruirono numerose opere di difesa, un lungo fossato anticarro, casematte in cemento armato, torrette interrate di carri armati Panther, campi minati e trinceramenti con filo spinato. Oggi, di quel passato, resta malinconicamente sul Passo il cimitero di guerra germanico. Il Deutschen Soldatenfriedhof è il più grande sacrario realizzato … Continua a leggere Linea Gotica. Il Cimitero militare tedesco del passo della Futa

Linea Gotica. Il Parco Memoriale di Vernio

Il Memoriale di Vernio è un rilievo che domina il Mugello e la Val Bisenzio e che preserva i resti di un caposaldo della Linea Gotica. Durante la seconda guerra mondiale i tedeschi avevano fortificato in questa zona tre punti strategici: il poggio Montetiglioli a quota 628, il poggio Torricella a quota 791 e il poggio Stancalasino a quota 810. Erano stati predisposti profondi ricoveri, … Continua a leggere Linea Gotica. Il Parco Memoriale di Vernio

Fiesole rupestre. Le cave di monte Ceceri

La ‘pietra serena’ utilizzata in epoca antica e medievale per erigere i monumenti di Fiesole e Firenze proveniva da Monte Cèceri, un’altura inserita nel celebre scenario delle colline fiorentine e fiesolane.  L’estrazione e la prima lavorazione dell’arenaria avveniva direttamente in cava. I blocchi lavorati venivano poi trasportati con i carri verso la loro destinazione in città. Oggi la visita della cave si compie grazie a … Continua a leggere Fiesole rupestre. Le cave di monte Ceceri

Pieve Sòcana, nel Casentino

La pieve è la chiesa di un villaggio, dove una comunità (plebs = popolo) si raccoglie intorno al suo pievano per vivere la propria fede e celebrare il battesimo e l’eucarestia. Un manto di pievi romaniche si stende nelle terre del Casentino e del Valdarno. La loro visita è un’esperienza di conoscenza dell’Italia minore che affascina gli appassionati delle terre di Toscana. Pieve Sòcana si … Continua a leggere Pieve Sòcana, nel Casentino

La foresta di Badia Prataglia

Visitiamo uno dei luoghi più noti del Parco nazionale delle Foreste Casentinesi. L’idea è quella di effettuare una piacevole passeggiata in una splendida faggeta dell’Appennino tra Toscana e Romagna. Il bosco si fa apprezzare in tutte le stagioni ma diventa un ambiente particolarmente gradito nelle giornate più calde dell’estate. E allora eccoci in un’afosa giornata di luglio affrontare le curve che portano a Badia Prataglia … Continua a leggere La foresta di Badia Prataglia

La foresta di Vallombrosa

Il bello di quest’escursione in Toscana è tutto nella foresta. Un ambiente piacevole, fresco e ombroso, balsamico, silenzioso. Una foresta di abeti e di altissimi faggi. Un luogo di riconciliazione con la natura. Siamo in una riserva naturale ‘biogenetica’, dove le caratteristiche genetiche delle specie sono conservate o perché in pericolo di estinzione o per riprodurle e riutilizzarle. Il punto di partenza è l’abbazia di … Continua a leggere La foresta di Vallombrosa